fbpx

Uomo Cervo, fate, folletti e altri esseri fantastici del MOLISE

Un viaggio lieve e giocoso dal mare all’entroterra, per scoprire l’immaginario, le tradizioni, le maschere tipiche e i mostri di una regione ricca di sorprese antiche, vive ancora oggi.

Dopo la Sicilia, la Liguria e il Lazio, è il Molise la quarta regione protagonista della collana 147 Mostro che parla!, ideata e curata da Teresa Porcella per Telos Edizioni. Un progetto importante e originale, che punta ad accendere l’interesse dei nostri bambini per l’immenso patrimonio fantastico e folklorico italiano, mettendo in luce le specificità e le unicità di ciascuna realtà locale. E favorendo l’incontro tra le creature magiche di ieri e la nostra quotidianità.

Dati tecnici


Uomo Cervo, fate, folletti
e altri esseri fantastici del MOLISE

Testi di Stefania Di Mella
Illustrazioni di Laura Fanelli
Curatrice: Teresa Porcella
Progetto grafico: Ignazio Fulghesu 
Collana: 147, mostro che parla! Volume n. 4
Pag. 80 – formato: 15×21 cm
€ 14 euro
ISBN: 9788894672206 

Età consigliata: 6 +
Libro ad alta leggibilità

Con audiolibro letto dall’autrice scaricabile
leggendo il QR code in retro copertina


In libreria dal 23 febbraio

La natura ancora incontaminata e dominante, i paesini avvolti nel silenzio, i castelli e le chiese che custodiscono misteri, gli orizzonti molto ampi e le strade poco frequentate. E poi le tradizioni contadine, le leggende popolari, le maschere zoomorfe che fanno parte di una dimensione antica e semplice, che si rinnova fino ai nostri giorni. Il Molise che affiora dalle parole di Stefania Di Mella e dalle illustrazioni di Laura Fanelli in Uomo Cervo, fate, folletti e altri esseri fantastici del MOLISE è una regione piena di bellezze, cultura e segreti da scoprire.

Attraverso il filtro dolce del ricordo e del racconto orale, l’autrice molisana Stefania Di Mella parla di straordinarie creature dai poteri incredibili, di folletti dispettosi, di esseri metà uomo e metà animali. E anche di luoghi evocativi, che diventano culla di storie suggestive… come quella della piccola basilica di Santa Maria della Strada, a Matrice, con i bassorilievi a forma di buoi che richiamano la triste vicenda del Re Bove; o come quella del Diavolo che impazza a Tufara una volta all’anno per processare e condannare a morte il Carnevale. Uno dopo l’altro, scorrono sulle pagine personaggi insoliti e sorprendenti, come l’irsuto Uomo Cervo, che irrompe nella piazza di Castelnuovo al Volturno l’ultima domenica di Carnevale, o come la malinconica Fata del Cantone, il cui spirito infelice vaga nel castello d’Evoli di Castropignano.

Sette racconti che rievocano la geografia e lo spirito di un territorio che in pochi conoscono, creando un ponte con il vissuto e lo sguardo dei bambini del nostro tempo. Testi freschi e attuali, accompagnati da illustrazioni piene di inventiva e leggerezza, disseminate di dettagli e guizzi creativi, opera dell’apprezzata illustratrice Laura Fanelli, molisana trapiantata in Francia, che ha all’attivo importanti collaborazioni e pubblicazioni con editori internazionali.

Per i bambini e le bambine che hanno fame di storie

“È stata un’esperienza particolare per me, la mia prima volta come autrice. La molla che mi ha spinto ad accettare questa sfida sono stati i bambini lettori, in particolare quelli della mia regione. Sento di avere un debito nei loro confronti. Sono stata una bambina che ha molto sofferto la mancanza di librerie, biblioteche e spazi culturali. Negli anni ’80 c’era veramente poco di tutto questo in Molise. Io ero la classica bambina che aveva fame di libri e che amava ardentemente leggere. Adesso le cose, per fortuna, non sono più così, però sento che bisogna fare ognuno la propria parte per offrire ai giovani nuove opportunità di lettura e occasioni di arricchimento e crescita. E questo libro senz’altro lo è! È stato molto bello scriverlo e tornare nei luoghi della mia infanzia, che mi sono particolarmente cari. Mi ha fatto stare bene. Ho attinto ai ricordi, alle sensazioni e a episodi che non ho mai dimenticato”. (Stefania Di Mella)

Un libro ricco di luoghi e scorci reali

“Si è creata una profonda sinergia con Stefania e con tutto il gruppo di lavoro guidato da Teresa Porcella. Per le illustrazioni del libro ho mantenuto un segno leggero ed espressivo, e ho cercato sempre di rimanere aderente alla realtà dei luoghi, di mostrare gli scorci reali, di far vedere i monumenti, i palazzi, le strade. Per questo è stato per me importante ritornare nei paesi in cui sono ambientati i racconti, per documentarmi meglio, scattare fotografie, parlare con le persone del posto. Non vedo l’ora di far conoscere il libro ai bambini e organizzare laboratori, atelier, presentazioni. È la parte che preferisco del mio lavoro!” (Laura Fanelli)

Il Molise da conoscere nella sua dimensione più intima e nascosta

 “Per me è un volume importante perché sono una molisana fuori sede, come lo sono le autrici, e tutte e tre siamo molto legate alla nostra terra. In questo senso abbiamo voluto restituire un qualcosa di intimo e viscerale, grazie alla mediazione e al lavoro di editing svolto dalla curatrice Teresa Porcella, che in questo volume in particolare è stato molto importante. Abbiamo voluto raccontare la dimensione del nascosto, fare un elogio alla provincia che raccoglie antiche tradizioni e riti ancora oggi presenti. Questo libro è anche un invito a venire a conoscere dei luoghi che vale la pena visitare e scoprire dal vivo”. (Luana Astore, Telos Edizioni)

Il paesaggio grande protagonista

“Il libro è anche un omaggio alla casa editrice molisana che lo pubblica e raccoglie l’apporto personale di Luana Astore, con il suo bagaglio di ricordi, sensibilità ed emozioni. In esso emerge fortissimo il legame con il senso della propria origine e con la propria vita famigliare. Durante la realizzazione, le autrici e l’editrice hanno tutte sentito il bisogno di ricongiungersi con la loro terra e di rimettersi in dialogo con lei, di riprendersi i dettagli, i colori, i profumi, di immergersi in nuove esperienze che potessero poi rivivere sulle pagine.
Un altro elemento distintivo è stata la volontà di concentrarsi su creature fantastiche che restituissero la dimensione terrestre, collinare e agro-pastorale del Molise. E la scelta di affidare al paesaggio un ruolo principale, da vero protagonista. Il mio augurio è che questo libro, come tutti gli altri della collana, sappia parlare a tutti, ai bambini di oggi e a quelli che lo sono stati tanto tempo fa” (Teresa Porcella)

La collana 147 Mostro che parla! fa tappa nel MOLISE


Dopo la Sicilia, la Liguria e il Lazio, è dedicato al Molise il quarto titolo di 147 Mostro che parla!, collana ideata e curata da Teresa Porcella e da Ignazio Fulghesu nel progetto grafico, che racconta gli esseri fantastici delle regioni italiane adottando una chiave di lettura moderna e informale, ambientandoli ai nostri giorni e affidandoli sempre ad autori e illustratori che proprio in quelle regioni sono nati e hanno un contatto viscerale con la loro terra.

«L’idea centrale della collana – e la sua originalità – è nel voler attualizzare questo immaginario, attraverso brevi storie originali che ideano un possibile “incontro ravvicinato” con i mostri, non solo protagonisti di tradizioni lontane, ma capaci di rendere sorprendente la nostra quotidianità” (Anna Pedemonte, Andersen)

ll libro, come tutti i titoli di Telos Edizioni, presenta un testo ad alta leggibilità e include un audiolibro letto dall’autrice. L’incipit musicale dell’audiolibro è un brano dal titolo “Tratturo”, che rappresenta al meglio la tradizione musicale molisana e il cui uso è stato gentilmente concesso all’editore dallo “zampognista” Piero Ricci e dall’orchestra Ecletnica.

L’autrice

Stefania Di Mella

Nata a Campobasso, si è laureata a Bologna e vive a Milano, dove lavora come editor di libri per ragazzi. È anche traduttrice dall’inglese.

L’illustratrice

Laura Fanelli

Nata sulle sponde del mare Adriatico, ha studiato comunicazione visiva all’ISIA di Urbino e alla Saint Luc di Bruxelles. Vive a Toulouse, dove scarabocchia nel suo atelier Le Canapé, organizza laboratori artistici, canta in bici, balla, coltiva piante, amicizie e affetti.

Dal 2010 ha pubblicato decine di libri con Seuil Jeunesse, L’école des loisirs, Other Press, Mondadori, Einaudi EL, Marcos y Marcos, Gribaudo, Blue dot kids press, La cabane bleue, Editorial Juventud, Le Livre de poche, Editoriale Scienza, Lirabelle, Kite…

147 Mostro che parla!

La collana ideata e curata da Teresa Porcella

Ogni regione d’Italia ha le proprie creature fantastiche. Chi ha detto che non vadano in giro ancora oggi?

Ogni volume contiene 7 storie di 7 esseri o creature fantastiche di una regione d’Italia ambientate al giorno d’oggi. Al termine di ogni storia è presente una scheda descrittiva di ogni essere.

Gli autori sono proprio nativi della regione di cui di volta in volta si parla e attenzione! Dato che in ogni regione l’italiano suona in modo diverso potrete ascoltare gli autori che leggono le storie che hanno scritto scaricando l’audiolibro collegato al QR code in quarta di copertina.

I volumi presentano inoltre caratteristiche di alta leggibilità perché vogliamo che siano leggibili da tutti!

Fantastico, no?

Immagini del libro

Loghi

Casa editrice

Telos Edizioni. Fondata a Campobasso nel 2017 da Luana Astore, Dottoressa di ricerca in Filosofia e attualmente docente a contratto presso l’Università degli studi del Molise, Telos è una casa editrice indipendente dedicata alla letteratura per l’infanzia e l’adolescenza attenta alla sperimentazione di nuovi modi di fare editoria. L’interazione tra la carta e il digitale rappresenta uno dei suoi punti di interesse. 

Pubblica libri di narrativa accompagnati da illustrazioni d’autore che presentano caratteristiche di accessibilità. LIBRI CON CONTENUTI ACCESSIBILI a TUTTI i lettori, compresi quelli che presentano difficoltà di lettura, come, ad esempio, i lettori con dislessia, oppure i lettori provenienti particolari contesti sociali. NON libri più facili ma libri con caratteristiche di “accessibilità” CHE CONSENTANO A TUTTI DI LEGGERE, donando a ciascun lettore la PROPRIA chiave di accesso al libro al fine di stimolare il piacere di leggere.

“Come editrice sento il dovere di garantire a TUTTI i lettori, anche e soprattutto a quelli con bisogni speciali di lettura, l’accesso a tale esperienza che è poi un’esperienza di libertà e di crescita, un accesso a mondi reali e immaginari, un accesso alla scoperta e alla sperimentazione del sé e del mondo” (Luana Astore).

Telos Edizioni porta avanti un articolato percorso di formazione dedicato ai docenti, ritenuto un passaggio fondamentale per la sperimentazione di metodologie e pratiche inclusive, per l’approfondimento di argomenti e tematiche legate al mondo della letteratura per l’infanzia.


Download Press Kit

Se vuoi conoscere maggiori dettagli su questo titolo invia un’email a ufficiostampa@lachicca.online

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Subscribe To Our Newsletter

Get updates and learn from the best

Scopri gli altri titoli

Semini

Un albo delicato e disarmante che, in forma poetica, ci svela la quotidianità di un bambino e il suo intimo sentire. Un libro che segna

La mia casa piccola

Una casa troppo piccola ma accogliente e amatissima. Un trasloco sofferto ma che si rende necessario. Un albo illustrato che affronta uno dei cambiamenti più

DIARIO DI GUERRA di Olga Grebennik

Una testimonianza urgente, scritta e disegnata sotto i bombardamenti dei russi a Charkov. Una matita e un taccuino per raccontare otto giorni nei sotterranei ucraini