fbpx

Papà non ha più paura degli Stranieri (grazie a me)

Copertina del libro Papà non ha più paura degli Stranieri (grazie a me)

Un albo illustrato umoristico e delicato che racconta l’incontro tra due culture e invita all’accoglienza e all’ospitalità, dimostrando che dal razzismo si può “guarire”. Basta prendere esempio dai bambini.

Rafik Schami dimostra ancora una volta che sa fare magie con le parole. Le illustrazioni di Ole Könnecke, che ricordano i fumetti, aggiungono arguzia alla storia. Le sue idee sono sorprendenti quanto quelle di Schami.

Andrea Huber, Die Welt

Veramente emozionante e attraversato da una meravigliosa ironia.

Andreas Obst, Frankfurter Allgemeine Zeitung

Da quando la mamma non c’è più, Rebecca ha un eroe: il suo papà. È alto, premuroso e intelligente e incanta tutti con i suoi giochi di prestigio. Inoltre è forte e coraggioso, niente gli fa paura. Tranne gli Stranieri, soprattutto quelli con la pelle nera. 

Anche se lui non glielo ha mai confidato, lei lo ha capito e siccome lo ama, è triste per lui. Ha provato a guarirlo da questa malattia immaginaria, ma nessuna cura ha funzionato. Il papà continua a credere che siano tanti, troppi, diversi, che parlino una lingua incomprensibile. 

Che fare? Forse la festa di compleanno della sua migliore amica può essere l’occasione per affrontare una volta per tutte il problema?

«Banja è la mia amica del cuore. E viene dalla Tanzania.
Sono sempre andata io a giocare da lei, e mi sarebbe piaciuto invitarla qualche volta a casa mia. Ma non volevo che papà si prendesse paura.
Un lunedì Banja mi ha invitata alla sua festa di compleanno. Io sola, di tutta la nostra classe»

Una storia delicata e ironica sulla difficoltà degli adulti ad accogliere la diversità. E sulla saggezza dei bambini, che della diversità fanno meraviglia.

Dati tecnici

Papà non ha più paura degli Stranieri (grazie a me)
di Rafik Schami
illustrazioni di Ole Könnecke
traduzione di Chiara Belliti
pag. 30 , copertina cartonata,
formato 20,5×28,5 cm
15,80 euro, ISBN 978-88-7459-072-8
In libreria dal 26 novembre
Dai 5 anni

L’autore

Rafik Schami

Rafik Schami 
Rafik Schami è nato nel 1946 nel quartiere cristiano aramaico di Damasco. Figlio di un fornaio, nel 1971 è stato costretto all’esilio, si è rifugiato in Germania e ha studiato chimica a Heidelberg. Oggi è tra i più noti scrittori di lingua tedesca. I suoi romanzi sono stati tradotti in molte lingue e hanno vinto numerosi premi. Il lato oscuro dell’amore, pubblicato in Germania nel 2004, è stato per mesi ai vertici della classifica dei best seller. Nel 2018 ha pubblicato La nostalgia di una rondine esiliata, edito in Italia da Garzanti.

L’illustratore

Ole Könnecke

Ole Könnecke
Ole Könnecke è nato nel 1961 a Göttingen e vive ad Amburgo con la sua famiglia. Dal 1990 ha illustrato oltre 30 libri per bambini, molti dei quali hanno ricevuto prestigiosi premi. Beisler Editore ha tradotto i suoi albi più famosi, tra i quali la serie dedicata a Camillo, finalista al Premio Nati per Leggere 2014. Le avventure di Lester e Bob ha vinto nel 2016 il Premio Orbil e il Premio Scelte di Classe. Gli altri titoli di Ole Könnecke nel nostro catalogo sono Le nuove avventure di Lester e Bob, Che sport, lo sport! e Desperado, vincitore del Premio Andersen 2020 come miglior libro 0/6 anni.

Loghi


Download Press Kit

Se vuoi conoscere maggiori dettagli su questo titolo invia un email a ufficiostampa@lacchicca.online

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Subscribe To Our Newsletter

Get updates and learn from the best

Scopri gli altri titoli

Copertina di Cometè di Alice Caldarella

Cometè

Una piccola storia di speranza e apertura verso gli altri, una metafora lieve che incoraggia a credere di più in se stessi e a trovare

Lupo Nero

Per la prima volta in Italia il silent book di Antoine Guilloppé Una affascinante avventura in bianco e nero che sfida la percezione e mette alla

Cover del libro Pinguino

Pinguino

Spiritoso, toccante, irresistibile: in arrivo Pinguino di Polly Dunbar Ben è elettrizzato per il pinguino che ha ricevuto in regalo. Pinguino, però, non dice una